10 Settembre 1995: Piacenza – Juventus

Attraverso il Canale Youtube del nostro amico Gobbomaltese vi proponiamo un gustoso amarcord di questa data odierna.

É il 10 Settembre 1995 e Piacenza Juventus si sfidano nella Seconda Giornata del Campionato di Serie A 1995-96  allo Stadio ‘Galleana – Leonardo Garilli’ di Piacenza.

La Juventus guidata in panchina dal ‘maestro’ Marcello Lippi, dopo aver vinto lo Scudetto dopo ben otto anni adesso pensano in grande. Pensano alla Champions League (che conquisteranno a Roma). Ed infatti i bianconeri non giocano come sanno in campionato e si fanno ‘rubare’ il titolo dal Milan. Alla fine sará solo secondo posto. Dall’altre parte c’é un Piacenza che giudata in panchina da Gigi Cagni fa il suo e si ‘limita’ ad una salvezza insperata da molti.

 

A VOI IL VIDEO

BUONA VISIONE!

Seguite il Canale del Gobbomaltese ed iscrivetevi :

 

 

Stagione 1995-1996 – Campionato di Serie A – 2 andata
Piacenza – Stadio Galleana
Domenica 10 settembre 1995 ore 16.00
PIACENZA-JUVENTUS 0-4
MARCATORI: Vialli 46, Torricelli 60, Ravanelli 74, Vialli 86

PIACENZA: Taibi, Rossini, Polonia, Maccoppi, Lorenzini (Moretti 56), Di Francesco, Corini, Carbone A., Turrini, Caccia, Piovani
Allenatore: Luigi Cagni

JUVENTUS: Peruzzi (Rampulla 41), Porrini, Ferrara C., Tacchinardi, Pessotto, Di Livio, Paulo Sousa (Torricelli 46), Deschamps (Conte A. 46), Jugovic, Vialli, Ravanelli
Allenatore: Marcello Lippi

ARBITRO: Cesari

 

Così nasce una Leggenda

Una panchina in Corso Re Umberto, uno dei viali nobili nel centro di Torino. Vi si ritrova un gruppo di amici uniti dalla passione per il football, quel gioco così speciale, da poco “importato” dall’Inghilterra. C’è un’idea che li stuzzica: fondare una società sportiva che proprio nel football abbia la sua ragione d’essere. I ragazzi studiano al Liceo Classico Massimo D’Azeglio, sono istruiti e il più grande tra loro non supera i 17 anni. Per questo il nome che scelgono, in latino, significa “gioventù”. Quel nome è Juventus. È il 1 novembre del 1897. Loro ancora non lo sanno, ma hanno dato vita a una leggenda.

Nasce così, quasi per gioco, la squadra più gloriosa d’Italia.

 

 

INTANTO VI RICORDIAMO I NOSTRI PROFILI SOCIAL OLTRE AL NOSTRO BLOG:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.