Riviviamo Lazio-Juve

Attraverso filmati tratti da internet vi proponiamo la gara valevole per la ventunesima Giornata della Serie A TIM 2018/19. Riviviamo Lazio-Juve.

 

IL TABELLINO DELLa partitA :

 

Domenica 27 Gennaio 2019
Serie A TIM – 21esima Giornata – Stadio Olimpico Roma

LAZIO-JUVENTUS 1-2

RETI: Emre Can aut. 14′ st, Cancelo 29′ st, Ronaldo rig. 44′ st

LAZIO: Strakosha; Bastos (45′ st Neto), Radu, Wallace; Parolo, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto (36′ st Berisha), Lulic; Correa; Immobile (37′ st Caicedo)
A disposizione: Proto, Guerrieri, Durmisi, Jorge Silva, Murgia, Cataldi, Badelj
Allenatore: S. Inzaghi

JUVENTUS: Szczesny; De Sciglio, Bonucci (41′ pt Chiellini), Rugani, Alex Sandro; Emre Can, Bentancur, Matuidi (16′ st Bernardeschi); Douglas Costa (25′ st Cancelo), Dybala, Ronaldo
A disposizione: Perin, Pinsoglio, Spinazzola, Fagioli,  Kean
Allenatore: Allegri

ARBITRO: Guida
ASSISTENTI: Carbone, Di Liberatore
QUARTO UFFICIALE: Abbattista
VAR: Aureliano, Del Giovane

AMMONITI: 24′ pt Emre Can, 5′ st Leiva, 5′ st Matuidi, 25′ st De Sciglio, 28′ st Rugani, 35′ st Chiellini, 35′ st  Milinkovic-Savic

 

 

Nel posticipo domenicale della 21a giornata di Serie A, la Juventus batte 2-1 in rimonta la Lazio e spedisce il Napoli a -11. All’Olimpico i padroni di casa giocano meglio per lunghi tratti, Szczesny tiene in piedi i bianconeri ma nulla può sull’autorete di Emre Can (59′). Allegri inserisce Bernardeschi e Cancelo che cambiano il match: il portoghese prima pareggia (74′), poi si procura il rigore trasformato da Ronaldo (88′).

LA PARTITA

La Juve vince anche nella serata più difficile, quando la squadra non gira e il primo vero tiro importa arriva solo al minuto 74, spedisce il Napoli a -11 e può cominciare il countdown scudetto. Perché se gli uomini di Allegri sono riusciti a raddrizzare una partita come quella di stasera all’Olimpico, allora è chiaro che alle rivali possono restare solo le briciole e nulla più. Con l’infermeria piena, a cui si è aggiunto Bonucci (problema alla caviglia destra) e con Dybala e Ronaldo appannati, Allegri pesca dal cilindro i cambi vincenti, Cancelo e Bernardeschi, che in pratica da soli ribaltano una bella Lazio che ha accarezzato a lungo la grande impresa da raccontare a figli e nipotini. Soprattutto l’ingresso del portoghese ha dato la sveglia a una squadra lenta e prevedibile, in cui le geometrie e i tempi di gioco di Pjanic sono mancati come l’ossigeno. E quando i tre di centrocampo vengono sovrastati dai rivali, ecco che i bianconeri riescono a rimettersi in carreggiata grazie alla fasce. La velocità di gamba di Bernardeschi ha mandato in tilt la fascia destra capitolina, mentre l’ex Inter dall’altra parte è stato una continua spina nel fianco per i 20′ in cui è stato in campo. Un Ronaldo abulico si è fatto perdonare l’errore con il Chievo e non ha sbagliato dal dischetto, unica nota positiva della serata probabilmente più difficile da quando gioca in Italia.

LE PAGELLE

Luis Alberto 6,5 – Lo spagnolo, per un sera, torna ad essere il giocatore della passata stagione. Quando ha la palla tra i piedi, i pericoli sono dietro l’angolo.
Wallace 6,5 – Chiamato a sostituire lo squalificato Acerbi, il brasiliano risponde presente e guida benissimo la difesa.
Lulic 5 – Rovina una discreta prestazione con il fallo da rigore nel finale che vanifica il buon match dei compagni.

Cancelo 8 – Gli bastano 20′ per i ribaltare il match: segna il gol dell’1-1 e si procura il rigore che il connazionale Ronaldo trasforma. Per fortuna che non era al meglio.
Bernardeschi 7 – Il suo ingresso manda in tilt la fascia destra della Lazio. Sono entrambe sue le percussioni che ribaltano il match.
Emre Can 4,5 – L’autorete è sfortunata, ma è il sigillo di una prestazione davvero deludente. Pjanic è di un altro pianeta.

 

INTANTO VI RICORDIAMO I NOSTRI PROFILI SOCIAL OLTRE AL NOSTRO BLOG :


Facebook
 : http://facebook.com/juventuslastoriasiamonoi

Instagram : http://instagram.com/juventuslastoriasiamonoi

Twitter : http://twitter.com/storia_juventus

Google+ : http://plus.google.com/u/0/+JuventusLaStoriaSiamoNoi